TitleDescriptionKeywordsGeneratorRobots

Easy Frontend SEO







Nuovi orizzonti della didattica: Letteratura e Cinema

Martedì 9 Giugno
Ore 17,30
Aula Virtuale: meet.jit.si/adsetsoci

Il testo letterario si offre a forme molteplici di fruizione, con percorsi che, partendo dalla scrittura, possono approdare alla composizione musicale, alla pittura, al teatro, al cinema.

Da qui, l’esigenza di analizzare velocemente i differenti percorsi testuali che conducono ai luoghi della metamorfosi, rintracciando le principali dinamiche di scambio e le interconnessioni tra le arti, soprattutto ai fini di una nuova, aggiornata didattica della letteratura.
Per restare nei tempi fissati, si esamineranno due soli processi di transcodifica: I) Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa e Il Gattopardo di Visconti; II) Edipo re di Sofocle ed Edipo re di Pasolini.

 

 Relatore: Prof. Giuseppe Rando

Già ordinario di Letteratura Italiana 
Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne - Università di Messina

 

Giuseppe Rando, professore ordinario di Letteratura Italiana, già presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina, insegna Critica Letteraria e Letterature Comparate presso la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Reggio Calabria. È altresì membro del Comitato Nazionale per l’Edizione Nazionale dell’Opera Omnia di Federico De Roberto e componente del Comitato Scientifico della Fondazione Corrado Alvaro. Dirige la collana “L’Arco” presso Luigi Pellegrini Editore di Cosenza, nonché la collana “Otto-Novecento Siciliano” presso EDAS di Messina e la collana “Il Ponte” presso Falzea Editore di Reggio Calabria. Ha pubblicato saggi e volumi su autori maggiori e minori della letteratura italiana e segnatamente su Parini (Parini e il Sublime, «Rivista di Letteratura Italiana» 1999); Alfieri (Alfieri europeo: le «sacrosante» leggi, Soveria Mannelli,2007; Alfieri costituzionalista, Reggio Calabria 2015); Leopardi (La norma e l’impeto. Studi sulla cultura e sulla poetica leopardiana, Torino 1997; Nei pressi dell’Infinito, Roma 2015); Verga (Verga, Pirandello e altri siciliani, Milano 2014); Pirandello (Novelle Siciliane, Messina 2004): Pascoli (Un nido sullo Stretto in G. PASCOLI, Poesie e prose della stagione messinese, Messina 2013; Giovanni Pascoli alle soglie del nichilismo, Atti del Convegno di Messina 2012, in corso di stampa; Poetiche, poesia e metapoesia nella stagione messinese di G. Pascoli, in Studi in onore di Enrico Ghidetti, Firenze 2014; L’altro Pascoli: poesia e scienza nel «nuovo secolo», «Esperienze letterarie» 2015); Alvaro (Alvaro narratore. L’officina giornalistica, Reggio Calabria 2004 e Sperimentalismo, denuncia e profezia nella narrativa di Corrado Alvaro, in Narratori Italiani del Novecento I, pp. 337 – 462, Soveria Mannelli 2012; «L’uomo è forte»: dal reportage antisovietico al romanzo realistico-simbolico, in Paura sul mondo. Per «L’uomo è forte» di Corrado Alvaro, Pisa, 2013); Quasimodo (Introduzione a Colloqui.“Tempo” 1964-1968, Roma 2014; Prefazione a Il falso e il vero verde, “Le Ore” 1960-1964, Avellino 2015).

Studioso di letteratura meridionale, ha pubblicato la monografia Vero e immaginario tra Sicilia e Calabria (da Verga a Occhiato), Cosenza 2014; ha curato la ristampa di opere di Boner, Cesareo, Onufrio, Misasi, Deledda, Alvaro; ha altresì raccolto in volume, per la prima volta, le Novelle disperse di Enrico Onufrio (Messina, 2004) e, nel 2007, presso Rubbettino, i racconti dispersi di Corrado Alvaro, col titolo Gente che passa

 

Curriculum

 

Stampa e media

Articolo: Globus del 6 giugno 2020
A cura dell'ADSeT Messina "Gli incontri del martedì ai tempi del Corona virus