Eventi

"MANDORLO IN FIORE"
AGRIGENTO 21 & 22 FEBBRAIO
----------------------------
21 febbraio 2015 sabato
6:30- ORARIO TASSATIVO DA RISPETTARE SCRUPOLOSAMENTE
INCONTRO DEI PARTECIPANTI SUL VIALE BOCCETTA
– ALTEZZA CHIESA DI S. FRANCESCO -
PARTENZA ALLA VOLTA DI RACALMUTO

la città ritrovata Zafarana

Un Auditorium affollato da un pubblico particolarmente attento, ha fatto da cornice alla presentazione del CD-Rom “La città ritrovata” di Renato Zafarana che ci ha portato indietro nel tempo alla riscoperta della Messina ante terremoto.

La manifestazione, la prima del nuovo anno sociale 2015, realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Maurolico, è stata affidata alla moderazione del Dott. Gustavo Ricevuto il quale ha evidenziato l’intenso e certosino lavoro di ricerca effettuato dall’autore dell’opera che si pone, senz’altro, come uno strumento particolarmente utile alla ricerca di notizie storiche sulla nostra città.

Quale magia, quella dell’organo!

Esso opera sull’uditore  una ‘maieutiké’, che - a somiglianza di quella dei greci, che da un corpo di donna porta alla luce un corpicino di neonato -  le note dell’organo innescano: da un corpo di carne portano alla luce lo spirito che vi si trova ingabbiato; e , naturalmente la maieuta di questo parto ideale è l’organista!

E’ stato presentato, presso l’Aula Magna dell’istituto Superiore Antonello, su iniziativa congiunta dell’Associazione Dirigenti Scolastici e Territorio e dell’Associazione Culturale Maurolico, il libro “E Dio creò i media” di Dario Morelli, giovane ricercatore messinese che oltre ad occuparsi di Diritto Ecclesiastico e canonico presso l’università statale di Milano, è associato di un importante studio legale internazionale che si occupa di diritto dei media.

Nell’ambito di un vasto ed interessante progetto didattico inteso a fornire, agli alunni del settore ristorazione dell’Istituto Antonello, gli elementi basilari alla conoscenza ed all’utilizzo dei funghi in cucina, che ha visto il micologo Enzo Visalli, in rappresentanza dell’Associazione “Centro di Cultura Micologica”, impegnato ad impartire, agli alunni interessati, le nozioni micologiche basilari, si è svolta, a conclusione dei lavori preparatori, una interessante mostra con esposizione di circa 100 specie fungine diverse, visitata, oltre che dagli alunni dell’Istituto, anche dai soci ADSeT.

Conferenza-Dibattito a cura di Barbara Taglioni

Si è tenuta, nell’Aula Magna dell’Istituto Superiore Antonello, la programmata conferenza-dibattito sulle problematiche della grafologia dal titolo “Personaggi famosi della Sicilia: tra il nero ed il bianco della loro scrittura”.  

Barbara Taglioni, alla quale è stato affidato il ruolo di relatrice, si è resa protagonista dell’interessante manifestazione fornendo ai presenti gli elementi essenziali, ma fondamentali, per poter agevolmente intendere come la grafologia sia non una  ‘grafomanzia’  esoterica, bensì una metodologia scientifica atta ad evidenziare, nella spontaneità alla quale attinge, dati del carattere della personalità dell’esaminato.

Vergine Annunciata Antonello da Messina

Ricca di attività la giornata domenicale che ha visto i soci ADSeT e tanti altri amici e familiari, in escursione a Capo d’Orlando e a San Marco d’Alunzio. Nella prima mattinata, come da programma, visita guidata di Villa Piccolo a Capo d’Orlando:

…“Costruita intorno agli anni venti del XX secolo, fu dimora dei baroni Piccolo, i fratelli Casimiro, Lucio e Agata Giovanna; il primo si dedicò alla fotografia, all'occultismo e ad acquerelli di genere fantastico, il secondo è noto per le sue liriche, la sorella Agata Giovanna fu invece appassionata di botanica”.

L’estate - si sa - è il sacrosanto momento della dispersione legato all’accantonamento di un anno di fatiche, ad una favorevolezza del tempo che consente il pigro riposo e alla distrazione dal tran tran quotidiano, che, se non archivia, mette in angolo l’insieme delle incombenti incombenze; i soci ADSeT non si sottraggono a questo ‘momento magico’, e dunque hanno voluto darsi appuntamento attivo al prossimo settembre, non senza un commiato ufficializzato.

Presenti a pieni ranghi, lo hanno fatto presso il ristorante ‘Sapore divino ’ di Torre Faro, ma in coerenza con il loro gusto intellettuale hanno condito il loro ricco ‘menu’ culinario innaffiandolo con una generosa spruzzata di scuola e di cultura; l’occasione l’ha fornita una ‘imbeccata’ del provveditore emerito Gustavo Ricevuto, che ha proposto la rilettura de “Il pupo di carne” di Geri Villaroel, Laterza editore.

Orestiadi

ADSeT-Scuola, sodalizio tra Dirigenti Scolastici e Territorio, sta per celebrare appena appena il terzo mese dall’istituzione ed ha già annoverato nella sua alacre attività obiettivi posti in essere di natura culturale, , educativa,  sociale, ricreativa e  di aggregazione tra gli intellettuali, i propri soci, enti ed associazioni  esterne dediti  ad attività similari.

Perseguendo questa sua vocazione all’impegno spassionato giovedì, 12 giugno 2014, alle ore 18.00, presso l’Istituto Superiore ‘Antonello’, ha promosso la conferenza su “L’Orestea di Eschilo”.

Ad iniziativa congiunta tra ADSeT –Associazione Dirigenti Scolastici e Territorio e Cittadinanza Attiva Sicilia, martedì 29 aprile 2014, su appuntamento fissato per le ore 10.30, presso la sala Convegni dell’Istituto Alberghiero ‘Antonello’ di Messina, ha avuto luogo il Convegno sul tema “Solo una Scuola che assicura la centralità degli studenti può garantire l’avvenire del Paese”.

Dopo i saluti del Coordinatore Provinciale di Cittadinanza Attiva Rag. Mario Trupiano, è intervenuto il dott. Giuseppe Pracanica, presidente di Cittadinanzattiva Sicilia, che si è compiaciuto della empatia tra ADSeT e Cittadinanza Attiva venutasi a generare da subito, manifestando la sua volontà che, andando oltre alla proiezione sanitaria, Cittadinanza acquisisca a sé una ulteriore proiezione educativo-scolastica.
Il moderatore dott. Giuseppe Greco ha quindi dato la parola alla prof.ssa Maria Muscherà, Preside dell’ Istituto Antonello, la quale si è dichiarata investita di una prestigiosa responsabilità per aver potuto concedere ospitalità e innesco ad un evento culturale così rilevante