Infrastutture in Sicilia

Il ponte sullo stretto di Messina è una infrastruttura assolutamente prioritaria, poiché senza di essa sarebbe assurdo costruire le autostrade, le superstrade, le linee ferrate a doppio binario, i piccoli porti turistici e commerciali, l’aeroporto intercontinentale con collegamenti diretti con tutto il mondo (al centro dell’isola in modo da servire anche tutti i Paesi del Bacino Mediterraneo), ecc. ecc., né potrebbero sorgere piccole o grandi attività agricole, industriali, turistiche, commerciali di respiro nazionale ed internazionale.

Inoltre a realizzazione avvenuta il ponte sullo Stretto di Messina sarà una delle sette meraviglie del mondo moderno, con tutto quello che economicamente ne consegue e non solo per le due regioni italiane contermini, ma anche per l’Italia, per l’Europa ed ancora oltre per tutto il Bacino Mediterraneo.

Per inciso nel 2010 i Paesi mediterranei e l’Europa hanno costituito un mercato unico e noi Siciliani (senza poter mettere a disposizione moderne infrastrutture) siamo rimasti solamente a guardare e a lamentarci, ma continuiamo a considerarci (a parole) i migliori del mondo.

Bisogna guardare al presente, ma soprattutto al futuro dei nostri figli, nipoti e pronipoti.

Occorre sempre pensare e operare fattivamente in grande, andando oltre i localismi e i colori politici, ragionando con la propria testa, cercando di essere obiettivi al massimo possibile e non inseguendo, ma precorrendo i tempi.

É necessario avere coscienza delle grandi potenzialità della Trinacria, della sua centralità, degli immensi tesori presenti sotto i nostri occhi (che non vediamo o ci ostiniamo a non voler vedere) e utilizzarli al meglio possibile, senza sprecare denaro pubblico (che è denaro del lavoro di noi cittadini contribuenti), ma producendo ricchezza, benessere, cultura per tutti.

Quotidianamente ognuno si rimbocchi le maniche e produca con le idee e con i fatti per sé e per la collettività, altrimenti continueremo ad essere solo un mercato di consumo per i prodotti altrui, rimanendo la terra coloniale di sempre o forse diventando un vero deserto.

 

Le infrastrutture primarie in Sicilia sono tante e sono presto da realizzare per garantire l’esistenza dei Siciliani

  1. Ponte sullo Stretto di Messina per autoveicoli e treni
  2. Aeroporto intercontinentale (ossia con voli diretti per tutto il mondo) al centro dell’Isola, con collegamenti autostradali per le  zone costiere dell’Isola
  3. Doppio binario e alta velocità sulla tratta Messina- Palermo – Mazara del Vallo
  4. Doppio binario e alta velocità sulla tratta Messina- Catania – Siracusa
  5. Doppio binario e alta velocità sulla tratta Palermo – Catania
  6. Potenziamento dei porti di Palermo, Messina, Catania, Siracusa, Trapani
  7. Potenziamento aeroporti di Catania, Palermo, Trapani, Comiso
  8. Ammodernamento autostrade esistenti e completamento rete autostradale
  9. Trasformazione in superstrade delle rotabili che collegano le coste con l’interno isolano
  10. Costruzione o ampliamento per nautica da diporto di tanti piccoli porti lungo tutte le coste della Sicilia e delle sue isole minori.